In questo sito vengono usati i cookies. Navigando nel sito accetti.

Nella pratica di nutrizionista uno degli errori che più riscontro negli atleti è la tendenza ad ingerire meno energia di quella consumata, problema riscontrato anche dalla letteratura scientifica, tanto che il Comitato Olimpico Internazionale nel 2014 ha coniato il termine di Relative Energy Deficiency in Sport (RED-s). Spesso l’atleta si concentra sull’allenamento tralasciando l’alimentazione e il riposo che sono altrettanto importanti per mantenersi in salute e migliorare la prestazione.

La ricerca ha dimostrato che ingerire quantità non sufficienti di calorie può impedire che avvengano quegli adattamenti fisiologici all'allenamento necessari per ottenere un miglioramento della qualità muscolare e della performance. Questo sbilanciamento oltre a vanificare mesi di preparazione, può portare alla perdita di massa muscolare, maggiore suscettibilità a malattie (problemi ormonali e metabolici, alle ossa, immunitari, cardiovascolari), agli infortuni e ad una maggiore probabilità di overtraining.

Un aiuto fondamentale ci viene dalla misurazione della composizione corporea che può essere effettuata mediante diverse metodiche tra le quali la più utilizzata è la bioimpedenziometria. Conoscere la propria composizione corporea, mediante controlli sistematici programmati a seconda dei cicli di allenamento (carico-scarico), in termini di quantità di BCM (Body Cell Mass), FFM (Fat Free Mass), FM (Fat Mass), nonché distribuzione dei liquidi corporei, permette di capire se stiamo capitalizzando il lavoro svolto o se lo stiamo vanificando.

Tramite le attuali tecnologie alla portata di tutti, come ad esempio gli smartwatch che la maggior parte degli atleti indossano, è possibile misurare il proprio dispendio energetico con una certa approssimazione e confrontarlo con l’introito calorico calcolato mediante applicazioni disponibili gratuitamente. Se il confronto darà un risultato molto discordante potremmo essere nella situazione sopra descritta, in tal caso il consiglio è di rivolgersi ad un professionista del settore autorizzato a formulare piani nutrizionali personalizzati.

Tab 1. Apporti calorici per durata di allenamento.

Tipologia di atleta

30-40/min x 3gg/sett

3-6/h/g 5-6gg/sett

elite (giro italia ecc)

Apporto calorico    

25-35 kcal/kg/die

50 -80 kcal/kg/die

150 -180 kcal/kg/die